LA COMPAGNIA DELL'ECLISSI CON

"L'ARTE DELLA COMMEDIA" DI EDUARDO

 

Il rapporto tra realtà e finzione caratterizzerà il quarto appuntamento in cartellone della XII stagione teatrale comica del Teatro Arbostella di Salerno. Emozioni, suggestioni e ironia e saranno trasmesse al pubblico dai bravissimi attori della pluri-titolata “Compagnia dell’Eclissi” di Salerno (vincitrice di premi e nomination in tutta Italia da un decennio a questa parte) che per i primi tre week-end di dicembre porterà sulle tavole del palco della struttura di Viale Verdi un capolavoro di Eduardo De Filippo ovvero “L’arte della commedia” con la magistrale riduzione e adattamento di Felice Avella per la sapiente regia di Marcello Andria.
La trama. Oreste Campese (Felice Avella), capocomico di una compagnia di guitti, si reca da De Caro (Ernesto Fava), prefetto di un capoluogo di provincia appena insediato, e gli espone i problemi della compagnia. I due discutono sulla crisi del teatro, sul ruolo dell'attore, sui repertori e infine sul rapporto tra finzione e realtà, manifestando profonde divergenze. Campese invita il prefetto al suo spettacolo, sperando che la presenza di un’autorità possa invogliare la gente del paesino ad andare a teatro; De Caro, però rifiuta e lo congeda bruscamente. Ma Campese si appropria di una lista di persone che devono essere ricevute e lancia una sfida: sarà in grado De Caro di distinguere fra le persone reali e i suoi attori travestiti? Dal prefetto si avvicenderanno il medico Quinto Bassetti (Enzo Tota), il parroco padre Salvati (Geppino Gentile), la maestra Lucia Petrella (Marica De Vita) e il farmacista Girolamo Pica (Andrea Iannone) che avevano chiesto udienza presentando i loro casi e lui e il suo segretario Giacomo Franci (Leandro Cioffi), nuovo del luogo, non riescono a capire se sono reali o se sono attori della compagnia. Nemmeno quando arriva il Maresciallo che dovrebbe arrestare Campese.

In questa opera Eduardo De Filippo non risolve l'enigma e lascia non solo il prefetto e il suo segretario ma anche il pubblico nel dubbio se coloro che si sono avvicendati davanti all'autorità per esporre le loro singolari storie di vita siano davvero un medico, un prete, una maestra, un farmacista, o siano solo degli attori che si fingono tali. Se dal punto di vista del prefetto è molto importante che l'enigma si risolva (soprattutto quando ha il dubbio di trovarsi di fronte al suicidio del farmacista), per il capocomico Campese non è poi così importante appurare se si tratti di realtà o di finzione. Sarà il pubblico, come sempre, a trarre le proprie conclusioni.

La pièce, curata nei minimi dettagli come detto dalla regia firmata Marcello Andria, si avvarrà delle belle scenografie di Luca Capogrosso arricchita dai costumi di Angela Guerra.

 

 

Spettacoli nei fine settimana 2-3- 9-10- 16-17 dicembre 2017.

(sabato ore 21:15, domenica ore 19:15)

Costo del singolo biglietto 12 euro, ridotto 10

Info e prenotazioni: 089/3867440 – 347/1869810

 

 

 

Presentando la Card Luci d'Artista (acquistabile sul sito http://lucidartista.comune.salerno.it o scaricando l'app) al botteghino del Teatro Arbostella da diritto al possessore della stessa al biglietto ridotto anzichè intero.

Per gruppi di 10 persone, 8 biglietti saranno ridotti e due omaggi.

Info 347-1869810


 

IL TEATRO ARBOSTELLA VINCE ANCHE IN "TRASFERTA"

PREMIO MIGLIO COMPAGNIA

ALL'EPISCOPIO TEATRO FESTIVAL DI SARNO

 

Il 19 novembre, l‘attore e regista Michele Placido ha chiuso la ventiduesima edizione della rassegna “Episcopio Teatro Festival“, organizzata dal Circolo dell’Amicizia di Episcopio con il patrocinio del Comune di Sarno e della Provincia di Salerno.
 

Prima dello spettacolo "A lezione di teatro da Placido", davanti ad un folto pubblico, al centro sociale sarnese, l’attore e regista pugliese ha incontrato il Sindaco Giuseppe Canfora, la Giunta Comunale e i soci del Circolo dell’Amicizia di via Duomo, dove è stata scoperta una targa in occasione del cinquantesimo anniversario della fondazione del Circolo. E la serata ha visto anche la consegna dei premi. Migliore compagnia è stata decretata dalla competente giuria la Compagnia Comica Salernitana, il gruppo stabile del Teatro Arbostella di Salerno che con lo spettacolo "Vaco a Napoli pe' n'affare'' ha riscosso applausi, risate e consensi. La compagnia, capitanata dal decano regista Gino Esposito, sarnese di nascita ma salernitano di adozione da anni consegue premi e riconoscimenti in ogni parte della regione e d'Italia. Un altro piccolo trofeo nella piena bacheca di Esposito, pietra miliare del teatro salernitano. A ritirare il premio il duo Giovanni Bonelli e Andrea Avallone, ma riconoscimento che verrà diviso con tutti gli altri partecipanti di un ottimo lavoro che verrà replicato anche il 26 e 27 dicembre allo stesso Teatro Arbostella dopo il gran successo di ottobre.

 

 


 

 

Social Network

Seguici su...

Partner e Sponsor

Info e Contatti

Link Correlati

Contatore

Visite agli articoli
75174